Bruxelles e la magnifica Grand Place

Bruxelles e la magnifica Grand Place

Posso affermare con certezza che la maestosa Grand Place è quel luogo che mi ha colpito piu’ di tutti visitando Bruxelles, situata nella zona centrale della citta’, nonchè l’anima pulsante di essa.

E’ uno di quei luoghi maestosi ed avvolgenti che merita la dovuta attenzione per poter essere apprezzato a pieno, senza perdersi nessuna magnificenza tutta intorno; un luogo magico a tutte le ore ed in tutti i periodi dell’anno.

Di seguito vi spieghero’ i principali monumenti che compongono la Grand Place.

Il municipio ( Hotel de ville de Bruxelles)

Imponente edificio in stile gotico, la bellezza di questo luogo vede alle sue spalle diverse ristrutturazioni, soprattutto dopo i bombardamenti ed un grande incendio avvenuti nel 1695, in cui sia gli interni, che molte collezioni d’arte vennero completamente distrutti.

Solamente la facciata e la solenne torre rimasero intatte, per fortuna direi; quest’ultima infatti è come “la ciliegina sulla torta”, alta ben 96 metri, è sormontata da San Michele, il patrono della citta’ di Bruxelles, che combatte contro il drago.

La Maison du Roi

Anche questo edificio, in stile neogotico, venne ricostruito infinite volte ed utilizzato per infiniti scopi: all’inizio del 1300 fu un grande mercato del pane al coperto, circa 100 anni dopo venne riedificato in pietra ed utilizzato come carcere provvisorio, tribunale ed anche come deposito di fieno per la cavalleria britannica dopo la battaglia di Waterloo.

Un luogo utile ad ogni uso insommaJ

A oggi è la sede del museo civico della citta’ ed all’interno possiamo trovare anche il guardaroba del famigerato Manneken Pis, simbolo di Bruxelles.

Le varie case delle corporazioni

Ad attorniare la Grand Place troviamo anche numerose case delle corporazioni, o gilde, delle associazioni che tutelavano gli appartenenti ad una stessa categoria lavorativa, oltre che possedere il potere della citta’.

Trovo affascinante che secoli addietro su uno sfondo medievale numerosi panettieri, tessitori, pasticcieri, birrai si riunivano in queste abitazioni, oggi elegantemente restaurate, per discutere in merito alle decisioni da prendere.

Per esempio ai numeri 1 e 2 troviamo l’edificio chiamato le Roi d’espagne, le corporazioni dei panettieri, o al numero 9 la corporazione dei macellai, chiamata Le Cygne, dove Marx ed Engels, che scrissero il Manifesto del partito comunista a Bruxelles, erano soliti frequentare il pub sito all’interno di questo edificio.

Al numero 10 era presente la corporazione dei Birrai, L’Arbre d’Or, edificio oggi adibito a museo della birra e l’unico ad essere ancora in mano ad una corporazione.

Una piazza sempre gremita

Troveremo a tutte le ore del giorno e della notte turisti e studenti che affolleranno questa magnifica piazza; io ho avuto la fortuna di ammirarla attraverso un gioco di luci e suoni che le donavano un aspetto ancora piu’ magico: senza saperlo infatti, visitai Bruxelles nel periodo della festa delle luci.

Vi consiglio di cuore di visitarla durante questo festival (generalmente si svolge tra la fine di gennaio e meta’ febbraio) vi lascio il link del sito della citta’ di Bruxelles cosi’ da tenere sott’occhio eventi magici come questo: https://visit.brussels/it

Alla prossima, Agata

Agata

Un pensiero su “Bruxelles e la magnifica Grand Place

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *