Regala sogni, NON solide realta’

Regala sogni, NON solide realta’

Da un paio di giorni a questa parte mi frulla per la testa il vecchio spot pubblicitario di circa 10 anni fa, che non vendeva sogni, ma solide realta’; ho subito pensato ad un riadattamento di questo slogan e mi sono detta: perché anzichè regalare oggetti , non regaliamo sogni?

Da qui è nato il titolo di questo articolo, “ Regala sogni, NON solide realta’ “; spesso infatti per i compleanni dei nostri cari, amici, per un’ occasione in particolare ci scervelliamo per poter donare qualcosa, un oggetto, che faccia felice l’altro; ma se invece regalassimo sogni?

In che modo vi starete chiedendo, potremmo per esempio…Regalare viaggi? Quando scrivo viaggi, non intendo per forza il fatto di andare in capo al mondo, in isole tropicali o scalando il monte Everest, anche un fine settimana in un agriturismo immersi nel verde o passare del tempo al mare per esempio, è già un modo per uscire dalla routine quotidiana, e non solo, avrete regalato alla persona in questione il regalo piu’ importante: il vostro tempo, creando quell’atmosfera SOLO per la persona in questione.

Sono sicura che regalare emozioni vale 1000 volte in piu’ di una camicia nuova, un profumo, o una borsa; oggetti che finiranno stipati negli armati e sepolti nel dimenticatoio della nostra mente; un viaggio invece, un concerto se ami la musica, è un qualcosa che anche a distanza di anni potrai ricordare, perché rappresenta per te un’ emozione, ed esse non possono essere dimenticate.

Se vado a ritroso, ripenso alla mia amata ed odiata Londra, a tutte le risate con le mie amiche aupair, a Rino Gaetano cantato a squarciagola nell’autobus a 2 piani, ai pic nic dove conoscevi un sacco di gente nuova da ogni parte del mondo, ripenso a quando per la prima volta sono andata a Parigi ed uscendo dalla metropolitana alle prime luci del mattino vedo la punta di qualcosa che si ergeva nel cielo, e camminando scoprire la Tour Eiffel, o di quando sono andata a Praga, oramai 4 anni fa, ripenso all’odore profondo dei Kurtoscalacs cotti in strada; mamma mia che odore che facevano!

Proprio per questo da un po’ di tempo a questa parte ho deciso di smetterla di spendere soldi per  cose materiali delle quali non ce ne facciamo un bel nulla, ( ho smesso pure di acquistare vestiti che ci crediate o no) iniziando a regalarmi e regalare alle persone che amo SOGNI, e dunque emozioni; la possibilita’ di vedere e scoprire con i propri occhi, qualcosa di nuovo, mai vissuto prima con le persone piu’ importanti per noi.

E dunque, ho iniziato gia’ ad attuare tutto cio’, regalando a Thomas un’emozione per il suo compleanno, ci immergeremo in un luogo tutto nuovo : volete indovinare dove lo portero’?  Sono aperte le scommesse commentando sotto!

Agata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *