Luci accese e gente spenta

Luci accese e gente spenta

Con questo titolo forse un po’ irruento vorrei parlare di cio’ che secondo me oggi afflige il nostro modo d’essere, premetto che mi sento abbastanza scossa nel metterlo per iscritto ma cio’ mi aiuta a sentirmi meglio; negli ultimi anni mi sembra di essere la protagonista di The Truman Show.
Come se tutti stessimo recitando una parte che non abbiamo scelto, ma che ci e’ stata solamente cucita addosso; in questo periodo mi sono focalizzata ad osservare attentamente coloro che lavorano a contatto con il pubblico, le cassiere al supermercato per esempio, bene, la tristezza che hanno addosso e’ piu’ che tangibile, sono assolutamente certa che queste persone preferirebbero di gran lunga stare con la propria famiglia, e invece no, sono “costrette a lavorare”.
Ho come l’impressione che la stragrande maggioranza delle persone che si imbattono nel mio cammino, che sia per un breve o lungo periodo, fingano di essere felici, fingano che la loro vita vada a gonfie vele, come se dovessero ad ogni costo ostentare una felicita’ patinata da cose fighe e trendy.
Vedo come una schiera di tanti soldati: tutti vestiti allo stesso modo, tutti fare le stesse cose, tutti avere gli stessi interessi ed ambizioni; in questo periodo ad esempio: tutte le luci natalizie in giro ( che mi hanno gia’ stufato) tutti che iniziano ad essere piu’ buoni e gentili, il supermercato che organizza eventi solidali per le persone meno fortunate, tutti che insistentemente sorridono.

Tutti i negozi, tutti i centri commerciali pullulano di gente perché tutti sono alla ricerca del regalo perfetto per Natale, si organizzano tavolate infinite preparando di tutto e di piu’… Solamente perché… Tutti fanno cosi’.
Non sono contro lo stare a contatto con gli altri, o con l’essere gentile, anzi il contrario, solamente che non amo le cose comandate; sorrido a chi incontro 365 giorni l’anno, non solamente quando si affaccia il mese di dicembre; in fondo perché no, non sarebbe bello se fosse “Natale” tutto l’anno?

Agata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *